PDA

Visualizza la versione completa : La Fisica ed il Senso Comune



fernando
04-10-2006, 23:38
In molte delle domande, dibattiti e perplessità che si sentono nelle serate pubbliche al Circolo e all’Osservatorio, al Corso e alle Conferenze, un motivo ricorrente è la difficoltà ad accettare il conflitto tra la Fisica e il senso comune.
Su questo cruciale argomento ho trovato un’interessante riflessione di Hermann Bondi, uno dei tre (Gold, Bondi, Hoyle) che propose in passto la teoria dell’Universo Stazionario. La riporto integralmemte, penso che possa interessare a molti.

Inizio della citazione

“Può essere il caso di fare una piccola digressione per discutere cosa si intenda per senso comune, e se ci si debba aspettare un conflitto tra fisica e senso comune. II senso comune e una conseguenza dell'immensa esperienza che acquistiamo nei primi anni della nostra vita, dai quali ricaviamo un'enorme quantità di informazioni sul mondo in cui viviamo e sugli oggetti che ci circondano. Benché possa darsi che alcuni elementi di esso siano istintivi, la parte più importante del senso comune è esperienza distillata. L'esperienza che acquistiamo in quei primi anni di vita è natural-mente ricavata da ciò che ci circonda normalmente, usando gli strumenti e il materiale a portata di mano.
II senso comune non ci dice nulla sul comportamento dei gas alla temperatura di milioni di gradi, perchè nella vita di ogni giorno non ci imbattiamo mai in questo genere di cose. Nè ci facciamo alcuna idea su come si vedrebbe il mondo attraversandolo a una velocità di 100 000 chilometri al secondo, semplicemente perché non ci accade mai di fare una cosa del genere.
D'altra parte il senso comune costruisce una splendida guida in quel particolare campo su cui esso e basato, che è 1'esperienza di ogni giorno. E' compito del fisico oltrepassare questa esperienza, inventare e usare strumenti che diano nuove esperienze e permettano di acquistare conoscenza di oggetti e condizioni che normalmente non si incontrano.


Ci si deve quindi aspettare che quando il fisico, nella sua esplorazione di un arco di esperienza più ampio di quello che ha generato il senso comune. esamina i suoi risultati, possa trovare o che le idee del senso comune valgono ancora o che non valgono; se valgono, ciò significa semplicemente che nella sua estensione del campo di esperienza egli non è andato oltre la validità di ciò che ha imparato in un contesto più ristretto; ma se fosse andato oltre, non potrebbe aspettarsi che le previsioni del senso comune siano verificate, e in tal caso il senso comune e solo un intruso inopportune che rende più difficile l'adattamento a queste nuove situazioni.
L'adattamento a nuove situazioni è sempre possibile, essendo l'uomo intelligente, il che equivale a dire che la sua mente è flessibile. Una volta acquistata sufficiente familiarità con le nuove situazioni, egli le può ordinare, e acquisirne una nuova comprensione, proprio come imparerebbe un nuovo linguaggio.


E' accaduto così che, alla fine del secolo diciannovesimo e all'inizio del ventesimo, gli strumenti dei fisici siano diventati tanto potenti da oltrepassare il campo di validità del senso comune; allora per la prima volta si sono ottenuti risultati evidentemente contrari all'esperienza fatta nelle nostre normali e molto diverse condizioni, e ciò ha provocato un grande turbamento.

Oggi pero sappiamo che tale turbamento era fuori luogo, poiché quanto più in là ci spingiamo con i nostri strumenti, tanto più inconsueto è il mondo che investighiamo, e tanto più diverso sarà evidentemente da quello cui siamo abituati. II fisico moderno, per dirla alla maniera di Lewis Carroll, ogni giorno prima di colazione è abituato a credere almeno a due nuove cose incredibili. Detto in forma ancora un po' differente, ciò che sorprende è che le molecole di un gas si comportino in maniera così simile a palle da biliardo, e non il fatto che gli elettroni si comportino in maniera cosi poco simile a palle di biliardo.”
Hermann Bondi
Fine della citazione

Simone
05-10-2006, 13:04
Bravo! :si
La parte finale delle palle da biliardo e degli elettroni è splendida! :apll:apll