Pagina 2 di 69 primaprima 1234561252 ... ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 11 a 20 su 688

Discussione: Situazione polo Nord

  1. #11
    Utente Registrato L'avatar di alessandro
    Registrato dal
    Jul 2006
    residenza
    verona
    Messaggi
    3,520

    Predefinito

    Ad ottobre 2007 si diceva in giro che la mancanza di ghiaccio nella parte orientale dell'artico, avrebbe portato come conseguenza finale (vi risparmio infatti i dettagli del delirio ) una decisa antizonalità con conseguente avanzamento dell'anticiclone russo siberiano in area russo-europea, con tutte le conseguenze del caso...

    W le teleconnessioni
    Ciao
    I'm Winston Wolfe. I solve problems.
    Well, let's not start sucking each other's ***** quite yet.

  2. #12
    Consiglio direttivo - Moderatore L'avatar di Corrado
    Registrato dal
    Jun 2006
    residenza
    Grezzana
    Messaggi
    11,340

    Predefinito

    Diciamo che siamo ancora in anomalia leggermente negativa nell'emisfero nord ma positiva a livello globale!

    Però possiamo dire che quest'anno siamo messi meglio di mezzo milione di km/2 in confronto al medesimo periodo dello scorso anno nell'emisfero nord e di circa 1,2 milioni di km/2 a livello globale!

    Insomma se l'inverno in europa non c'è stato possoamo almeno consolarci col dire che altrove a colpito molto duro e che l'estate australe stà passando più fresca del solito ad ochhio!

  3. #13
    Consiglio direttivo L'avatar di Marco C.
    Registrato dal
    Jun 2006
    residenza
    Urbana (PD) / Este (PD)
    Messaggi
    15,464

    Predefinito

    ottimo aumento dell'Artico ''europeo'' negli ultimi giorni, siamo ai massimi dello scorso anno pur partendo da una situazione di gran lunga peggiore


  4. #14
    Consiglio direttivo L'avatar di Marco C.
    Registrato dal
    Jun 2006
    residenza
    Urbana (PD) / Este (PD)
    Messaggi
    15,464

    Predefinito

    L'aumento del ghiaccio rispetto a qualche giorno fa è evidente sopratutto a SE delle isole Svalbard e sulla costa russa compresa tra la penisola di Kola e la Novaja Zemlia


  5. #15
    Consiglio direttivo L'avatar di Marco C.
    Registrato dal
    Jun 2006
    residenza
    Urbana (PD) / Este (PD)
    Messaggi
    15,464

    Predefinito

    Sembra finita l'espansione dei ghiacci polari per la stagione 07/08, alla fine superiamo di circa mezzo milione di kmq il livello raggiunto nel 06/07 e complessivamente il valore più elevato dalla stagione 03/04
    Vedremo ora quanto picchierà il disgelo e sopratutto speriamo di non vedere nuovamente il record negativo di ritiro dei ghiacci registratosi nello scorso ottobre 07, minimo storico da quando esistono le rilevazioni



  6. #16
    Consiglio Direttivo L'avatar di Siro Morello
    Registrato dal
    Aug 2006
    residenza
    Bresega / Castelbaldo (PD)
    Messaggi
    5,636

    Predefinito

    Il polo nord sta soffrendo soprattutto nella parte europea.
    Non dico che toccheremo un nuovo record negativo, ma dopo la botta dello scorso anno ci vorrà del tempo prima di "ripopolare" ben bene i ghiacci artici
    Quando dicevano che sarebbe stato il peggior inverno del secolo ora so a cosa si riferivano

  7. #17
    Utente Registrato L'avatar di alessandro
    Registrato dal
    Jul 2006
    residenza
    verona
    Messaggi
    3,520

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da Siro Morello Visualizza il messaggio
    Il polo nord sta soffrendo soprattutto nella parte europea.
    Non dico che toccheremo un nuovo record negativo, ma dopo la botta dello scorso anno ci vorrà del tempo prima di "ripopolare" ben bene i ghiacci artici
    Non lo so Siro, ma non sonomolto d'accordo con quato dici.
    Un conto è perdere dei ghiacci di acqua dolce come sono quelli del polo Sud o delle nostre montagne, un conto invece è perdere i ghiacci marini.
    Per la formazione di questi ultimi è sufficiente che la temperatura sia bassa, mentre per la formazione dei primi occorre anche la materia prima ossia l'acqua.
    Prova ne sia che dopo l'incredibile record negativo dell'estate 2007 dove l'estensione minima risultò essere di circa il 25% inferiore al record di estensione minima precedente, dopo nemmeno 8 mesi l'estensione dei ghiacci ha già superato (anche se percentualmente di poco) l'estensione dell'anno scorso.

    Ciao
    I'm Winston Wolfe. I solve problems.
    Well, let's not start sucking each other's ***** quite yet.

  8. #18
    Consiglio direttivo - Moderatore L'avatar di Corrado
    Registrato dal
    Jun 2006
    residenza
    Grezzana
    Messaggi
    11,340

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da alessandro Visualizza il messaggio
    Non lo so Siro, ma non sonomolto d'accordo con quato dici.
    Un conto è perdere dei ghiacci di acqua dolce come sono quelli del polo Sud o delle nostre montagne, un conto invece è perdere i ghiacci marini.
    Per la formazione di questi ultimi è sufficiente che la temperatura sia bassa, mentre per la formazione dei primi occorre anche la materia prima ossia l'acqua.
    Prova ne sia che dopo l'incredibile record negativo dell'estate 2007 dove l'estensione minima risultò essere di circa il 25% inferiore al record di estensione minima precedente, dopo nemmeno 8 mesi l'estensione dei ghiacci ha già superato (anche se percentualmente di poco) l'estensione dell'anno scorso.

    Ciao

    Vorrei conoscere lo spessore di questi ghiacci marini però!

  9. #19
    Consiglio Direttivo L'avatar di Siro Morello
    Registrato dal
    Aug 2006
    residenza
    Bresega / Castelbaldo (PD)
    Messaggi
    5,636

    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da alessandro Visualizza il messaggio
    Non lo so Siro, ma non sonomolto d'accordo con quato dici.
    Un conto è perdere dei ghiacci di acqua dolce come sono quelli del polo Sud o delle nostre montagne, un conto invece è perdere i ghiacci marini.
    Per la formazione di questi ultimi è sufficiente che la temperatura sia bassa, mentre per la formazione dei primi occorre anche la materia prima ossia l'acqua.
    Prova ne sia che dopo l'incredibile record negativo dell'estate 2007 dove l'estensione minima risultò essere di circa il 25% inferiore al record di estensione minima precedente, dopo nemmeno 8 mesi l'estensione dei ghiacci ha già superato (anche se percentualmente di poco) l'estensione dell'anno scorso.
    Ciao
    Non ho dati alla mano che mi supportano, concordo con Corrado che vuol sapere lo spessore.
    Non credo che i ghiacci ,che si sono formati dove si erano sciolti l'estate scorsa, abbiano lo stesso spessore dei ghiacci più duraturi o perenni.

    Nel nostro piccolo sappiamo pure noi che lo spessore di uno strato di ghiaccio o della neve influisce moltissimo sulla durata di essi.

    L'estate porterà consiglio...
    Quando dicevano che sarebbe stato il peggior inverno del secolo ora so a cosa si riferivano

  10. #20
    Utente Registrato L'avatar di alessandro
    Registrato dal
    Jul 2006
    residenza
    verona
    Messaggi
    3,520

    Predefinito

    No ragazzi. Non dovete pensare che l'oceano artico sia coperto da ghiacci spessi decine di metri. Ghiacci di questo tipo nell'artico semplicemente non esistono.
    Lo spessore varia da meno di un metro a quanche metro (massimo) e la sua dislocazione è del tutto incoerente e casuale (in parole povere non è che salendo di latitudine si trovano ghiacci più spessi.)
    Tutto ciò per un motivomolto semplice.
    I ghiacci galleggiano sull'oceano e sono soggetti alle correnti marine. Sono come delle grosse zattere in continuo movimento e scontro le une contro le altre.
    Il blocco di ghiaccio che oggi staziona sopra il polo, quest'estate sarà chissà dove trasportato dalle correnti.
    Tendenzialmente mi pare di ricordare che le correnti dominanti portano i ghiacci da E verso W (dalla siberia verso il Canada).
    Questo fenomeno venne descritto per la prima volta dallo scienziato norvegese Nansen alla fine del '800 dopo il ritrovamento di una imbarcazione siberiana arenata sulle coste groenlandesi.
    Ipotizzò che tale imbarcazione intrappolata dai ghiacci artici fu trasportata dagli stessi fin dall'altra parte e li di nuovo abbandonata dopo lo scioglimento degli stessi.

    Da tutto ciò sipuò intuire che i ghiacci artici sono sempre in movimento che li porta da zone di ghiacciamento verso zone di scioglimento.

    Ciao
    Ultima modifica di alessandro; 16-03-2008 a 09:18
    I'm Winston Wolfe. I solve problems.
    Well, let's not start sucking each other's ***** quite yet.

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •