Pagina 2 di 3 primaprima 123 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 11 a 20 su 24

Discussione: Relazioni VPT-VPS, onde planetarie e Rossby breaking wave

  1. #11
    Consiglio Direttivo L'avatar di ulisse
    Registrato dal
    Jul 2006
    residenza
    Castel D'Azzano (VR) - 50mt s.l.m. 6 Km a sud di Verona.
    Messaggi
    11,782

    Predefinito Re: Relazioni VPT-VPS, onde planetarie e Rossby breaking wave

    Quote Originariamente inviato da Marco C. Visualizza il messaggio
    propongo che venga puntato in alto come linea guida o ancor meglio venga tradotto in un articolo per il sito
    Certamente!

    Inviato dal mio PRA-LX1 utilizzando Tapatalk
    Se proprio volemo far calcossa femo del ben.De mal ghene' inbisogno intorno.
    MAI CA NEVEGA!!!!

  2. #12
    Consiglio direttivo L'avatar di Massimo M.
    Registrato dal
    Aug 2014
    residenza
    Caldiero (VR)
    Messaggi
    8,935

    Predefinito Re: Relazioni VPT-VPS, onde planetarie e Rossby breaking wave

    Lo scopo è quello di approfondire una materia complessa e poco conosciuta con concetti di semplice comprensione..... se qualcuno vuole contribuire .... ho scritto in fretta per cui se alcuni argomenti non sono chiari faccia domande .... lo scopo di questa discussione è chiarirli per quanto possibile.
    non dire gatto se non ce l'hai nel sacco

  3. #13
    Consiglio direttivo L'avatar di Angelo
    Registrato dal
    Jun 2006
    residenza
    Monza centro, 160m slm
    Messaggi
    12,211

    Predefinito Re: Relazioni VPT-VPS, onde planetarie e Rossby breaking wave

    Quote Originariamente inviato da Massimo M. Visualizza il messaggio
    Lo scopo è quello di approfondire una materia complessa e poco conosciuta con concetti di semplice comprensione..... se qualcuno vuole contribuire .... ho scritto in fretta per cui se alcuni argomenti non sono chiari faccia domande .... lo scopo di questa discussione è chiarirli per quanto possibile.
    Purtroppo il tuo bellissimo lavoro non ha stuzzicato più di tanto. Un pò come sentire un bravissimo oratore che alla fine del suo discorso chiede "ci sono domande" ed il silenzio assordante della sala crea un certo imbarazzo.
    Peccato, ma resta per i posteri una base bellissima per approfondire queste tematiche, bravissimo ancora!

  4. #14
    Socio Estremo Meteo4
    Registrato dal
    Jul 2006
    residenza
    Cerea (VR) 19m s.l.m.
    Messaggi
    21,058

    Predefinito Re: Relazioni VPT-VPS, onde planetarie e Rossby breaking wave

    Quote Originariamente inviato da Marco C. Visualizza il messaggio
    propongo che venga puntato in alto come linea guida o ancor meglio venga tradotto in un articolo per il sito
    Sono perfettamente d'accordo con Marco C, il lavoro di Massimo merita di essere pubblicato nell'home page del sito, o comunque di essere messo in evidenza perché dimostra una grande preparazione e può essere di aiuto per tutti gli utenti. grazie davvero.
    storico dei miei dati su
    www.marcometeocerea.altervista.org

  5. #15
    Consiglio direttivo L'avatar di Massimo M.
    Registrato dal
    Aug 2014
    residenza
    Caldiero (VR)
    Messaggi
    8,935

    Predefinito Re: Relazioni VPT-VPS, onde planetarie e Rossby breaking wave



    Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk
    non dire gatto se non ce l'hai nel sacco

  6. #16
    Consiglio direttivo L'avatar di Massimo M.
    Registrato dal
    Aug 2014
    residenza
    Caldiero (VR)
    Messaggi
    8,935

    Predefinito Re: Relazioni VPT-VPS, onde planetarie e Rossby breaking wave

    Quote Originariamente inviato da Massimo M. Visualizza il messaggio
    Ma per capire meglio la propagazione delle onde planetarie dalla troposfera alla stratosfera è fondamentale il ruolo della circolazione stratosferica di Brewer-Dobson che di fatto definisce una circolazione meridiana a cella unica.
    Un modello semplice di questa circolazione, suggerito da Brewer (1949) e Dobson (1956), è formato da tre parti. La prima parte riguarda il movimento di sollevamento tropicale dalla troposfera alla stratosfera. La seconda parte è il trasporto orizzontale verso i poli che avviene in stratosfera. La terza parte riguarda i moti discendenti che avvengono sia alle medie latitudini sia nelle regioni polari, anche se tra le due zone ci sono importanti differenze. Nelle medie latitudini i moti discendenti riportano l’aria nella troposfera, mentre nelle latitudini polari l’aria viene condotta fino alla bassa stratosfera, dove si accumula.



    Questo modello spiega perché nei tropici l’aria è più povera di ozono rispetto alle latitudini polari, anche se la sorgente dell’ozono è ai tropici.
    L’aria che viene lentamente sollevata dalla troposfera tropicale alla stratosfera è molto secca (effetto di disidratazione per congelamento “freeze dried”) e con poco ozono. Questa circolazione di sollevamento tropicale della bassa stratosfera è piuttosto lenta, nell’ordine di 20-30 metri al giorno.
    L’ozono si genera comunque nella media stratosfera tropicale dall’interazione della radiazione solare UV con l’ossigeno molecolare. La massima densità di ozono si trova intorno ai 27 km.
    Giusto per capire la velocità di questa circolazione si evidenzia che per salire da 16 km (tropo-pausa tropicale) a circa 27 km l’aria impiega circa 6 mesi.
    Il meccanismo della circolazione di Brewer-Dobson è complesso e interessante. A prima vista, si potrebbe immaginare che la circolazione sia il risultato del riscaldamento solare nei tropici e dal raffreddamento nelle regioni polari che dovrebbe causare una grande ricircola tra equatore (aria calda che sale) e poli (aria fredda che scende). Mentre questo meccanismo con riscaldamento e raffreddamento si verifica effettivamente nella troposfera nella cella di Hadley, questa non è la ragione specifica che causa l’esistenza della circolazione di Brewer-Dobson.

    La circolazione DB è azionata dal breaking wave delle Rossby!!! Cioè quando la Rossby va in break avviene più o meno un processo simile alla cattura dell’aria nelle onde che frangono. Cioè dell’aria stratosferica viene intrappolata nella troposfera.



    Si tratta quindi di una circolazione ad impulsi cioè quando avviene il break la circolazione si mette in moto se non c’è break la circolazione è ferma. Il break agisce come il remo di una barca e ad ogni remata ne consegue un’accelerazione e poi una frenata. Quando un certo volume di aria stratosferica viene catturato dalla troposfera nelle medie latitudini uno stesso volume d'aria risale dalla troposfera tropicale ed entra in stratosfera.
    Quando va in break un’onda planetaria si manifesta quindi un forte squilibrio tra le medie latitudini ed i tropici che crea in risposta un’onda stratosferica che dalle aree tropicali si propaga verso le medie latitudini ed i poli.
    Una rosby planetaria stazionaria come quella pacifica è come un remo che attira verso di se l’aria stratosferica generando quindi un flusso d'aria stratosferica significativo che dall’equatore va verso il polo in area pacifica e che quindi crea un diplacement della struttura del VPS a partire delle quote più alte.



    Questo processo è inserito anche nel meccanismo di teleconessione tra l’attività tropicale la stabilità del VPS e lo stesso breaking wave delle onde planetarie.

    Riprendendo questa mia discussione ecco l'esempio lampante della circolazione BD. Nei prossimi giorni avverrà il riscaldamento della stratosfera polare e il raffreddamento di quella tropicale equatoriale.





    Il raffreddamento della stratosfera tropicale è dovuto all'accelerazione della circolazione BD.
    non dire gatto se non ce l'hai nel sacco

  7. #17
    Presidente L'avatar di Paolo
    Registrato dal
    Jul 2006
    residenza
    Verona
    Messaggi
    5,536

    Predefinito Re: Relazioni VPT-VPS, onde planetarie e Rossby breaking wave

    Molto interessante, non nascondo che ho dei limiti nel capire tutti i passaggi ma grazie!
    Stazione Meteo a Piovezzano (VR) 160m www.meteocorne.it
    Stazione Meteo a Carezza (BZ) 1620m www.meteocarezza.it

  8. #18
    Utente Registrato L'avatar di re laurino
    Registrato dal
    Jan 2013
    residenza
    VR-S.Martino B.A.-Auronzo di Cadore(BL) 880 mt.
    Messaggi
    35

    Predefinito Re: Relazioni VPT-VPS, onde planetarie e Rossby breaking wave

    Chapeau!!

  9. #19
    Utente Registrato L'avatar di re laurino
    Registrato dal
    Jan 2013
    residenza
    VR-S.Martino B.A.-Auronzo di Cadore(BL) 880 mt.
    Messaggi
    35

    Predefinito Re: Relazioni VPT-VPS, onde planetarie e Rossby breaking wave

    Quindi dobbiamo aspettarci ino split del VP nei prossimi giorni?

  10. #20
    Consiglio direttivo L'avatar di Massimo M.
    Registrato dal
    Aug 2014
    residenza
    Caldiero (VR)
    Messaggi
    8,935

    Predefinito Re: Relazioni VPT-VPS, onde planetarie e Rossby breaking wave

    Quote Originariamente inviato da re laurino Visualizza il messaggio
    Quindi dobbiamo aspettarci ino split del VP nei prossimi giorni?
    Per ora sembra displacement ma forse verso il 15 gennaio la struttura del VPS splitta... Per la retrogressione continentale in genere è meglio avere uno split
    non dire gatto se non ce l'hai nel sacco

Segnalibri

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •