Luca Mercalli a Domegge di Cadore (BL)

Collapse
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts
  • Neve78
    • Jul 2024

    Luca Mercalli a Domegge di Cadore (BL)

    Se a qualcuno di voi dovesse capitare di essere in zona...ecco una serata da non perdere con Luca Mercalli

    Sabato 21 aprile 2007 - ore 21.00 - Cinema San Giorgio di Domegge di Cadore.
    Organizza: Comunità Montana Centro Cadore
    Introduce: Luca Ginetto - Giornalista RAI
    _____________


    Quale futuro per la montagna? Grandi opere o piccole opere?
    Scenari in vista dei cambiamenti climatici ed energetici

    Luca Mercalli - Società meteorologica Italiana / RAI3 Che tempo che fa / RAI2 TGMontagne

    Nell'ultimo secolo la montagna italiana o è stata abbandonata o ha visto prevalere il modello di sfruttamento intensivo delle risorse ambientali e turistiche imposto dalle città di pianura. Alla vigilia dei grandi mutamenti attesi in campo climatico ed energetico la montagna può offrire nuove opportunità,di pensiero e di azione, purchè sappia cambiare il proprio modello di sviluppo. Dall'introduzione di un turismo più leggero, meno centrato sulle attività invernali e più diversificato anche nell'offerta estiva per chi fuggirà dai calori della pianura, all'utilizzo delle energie rinnovabili - acqua, sole, biomassa - è venuto il momento anche per la montagna di dire la sua. Meno grandi opere a base di cemento e più piccole opere capillarmente diffuse sul territorio, inclusa la rivalutazione dell'agricoltura di qualità, sono il messaggio che dalla montagna - depositaria di un millenario rapporto di sobrietà e attenzione verso l'utilizzo di risorse scarse - dovrà giungere ai grandi centri urbani ingordi di energia e materie prime, oggi non più sostenibili.

    Luca Mercalli, presidente della Società Meteorologica Italiana e direttore della rivista Nimbus, si occupa di ricerca, didattica e divulgazione sul clima alpino. Vive in Val di Susa e conosce bene l'ambiente montano, le sue opportunità e i suoi problemi: ha elaborato per la Regione Autonoma Valle d'Aosta il rapporto di indirizzo politico sulle strategie di adattamento ai cambiamenti climatici, è collaboratore del TGMontagne di RAI2, autore insieme a Chiara Sasso del libro "Le mucche non mangiano cemento", e gestisce un'azienda agricola nella montagna marginale piemontese.
  • Simone
    Utente Registrato
    • Jun 2006
    • 8100

    #2
    Originariamente inviato da Neve78
    Se a qualcuno di voi dovesse capitare di essere in zona...ecco una serata da non perdere con Luca Mercalli

    Sabato 21 aprile 2007 - ore 21.00 - Cinema San Giorgio di Domegge di Cadore.
    Organizza: Comunità Montana Centro Cadore
    Introduce: Luca Ginetto - Giornalista RAI
    _____________


    Quale futuro per la montagna? Grandi opere o piccole opere?
    Scenari in vista dei cambiamenti climatici ed energetici

    Luca Mercalli - Società meteorologica Italiana / RAI3 Che tempo che fa / RAI2 TGMontagne

    Nell'ultimo secolo la montagna italiana o è stata abbandonata o ha visto prevalere il modello di sfruttamento intensivo delle risorse ambientali e turistiche imposto dalle città di pianura. Alla vigilia dei grandi mutamenti attesi in campo climatico ed energetico la montagna può offrire nuove opportunità,di pensiero e di azione, purchè sappia cambiare il proprio modello di sviluppo. Dall'introduzione di un turismo più leggero, meno centrato sulle attività invernali e più diversificato anche nell'offerta estiva per chi fuggirà dai calori della pianura, all'utilizzo delle energie rinnovabili - acqua, sole, biomassa - è venuto il momento anche per la montagna di dire la sua. Meno grandi opere a base di cemento e più piccole opere capillarmente diffuse sul territorio, inclusa la rivalutazione dell'agricoltura di qualità, sono il messaggio che dalla montagna - depositaria di un millenario rapporto di sobrietà e attenzione verso l'utilizzo di risorse scarse - dovrà giungere ai grandi centri urbani ingordi di energia e materie prime, oggi non più sostenibili.

    Luca Mercalli, presidente della Società Meteorologica Italiana e direttore della rivista Nimbus, si occupa di ricerca, didattica e divulgazione sul clima alpino. Vive in Val di Susa e conosce bene l'ambiente montano, le sue opportunità e i suoi problemi: ha elaborato per la Regione Autonoma Valle d'Aosta il rapporto di indirizzo politico sulle strategie di adattamento ai cambiamenti climatici, è collaboratore del TGMontagne di RAI2, autore insieme a Chiara Sasso del libro "Le mucche non mangiano cemento", e gestisce un'azienda agricola nella montagna marginale piemontese.
    Ciao carissimo, il buon Mercalli è spesso al centro delle nostre discussioni, visto le sue posizioni molto ben definite ma anche estremamente "polarizzate" verso un determinato e forte punto di vista.
    Insomma può piacere o meno, così come si può essere daccordo o meno con le sue proposte.
    Personalmente non ne approvo la gran parte ( forse la quasi totalità ) ma non posso per questo negare che sia un buon divulgatore scientifico ed un grande appassionato di natura e montagna!
    Appassionato di meteorologia!

    Comment

    • Simone
      Utente Registrato
      • Jun 2006
      • 8100

      #3
      Ps: hai una stazione on line dalle tue parti?
      Appassionato di meteorologia!

      Comment


      • #4
        Mercalli può piacere o meno, certo, ma la sua presenza in una provincia marginale e "dimenticata" come Belluno è un grande evento, soprattutto per gli abitanti.
        Non conosco stazioni meteo in zona.
        Potrei metterne in piedi una io, ma per ora amo di più mettere i piedini nella rugiada del mattino che raccoglierla ed analizzarla .
        Magari, un giorno, ci penserà Cyrrus.
        Auguri di Buona Pasquetta
        Donata

        Comment

        • Massimiliano
          Consiglio direttivo
          • Jul 2006
          • 23676

          #5
          W MERCALLI!!!
          Il numero 1 in assoluto!
          ha sempre fatto caldo e ne farà di più!

          Comment

          Working...